Simone Raso: in viaggio al circolo polare artico a caccia di aurore boreali e di paesaggi mozzafiato

Xperience

Un Xperience in Norvegia insieme all’X-Photographer Simone Raso

Dal 6 all’11 febbraio 2018

Per informazioni e dettagli prenotazioni: raso.simone@gmail.com

Iscrizione entro il 20 Gennaio 2018

Massimo 10 partecipanti

Un viaggio assolutamente unico. Tromso piccola cittadina dotata di tutti i confort a 350km a nord del circolo polare artico sarà la base di partenza.

Un programma fitto di attività per sfruttare al meglio le ore di luce, in un passaggio unico e magico tra golden hour e blue hour.

Nel mese di febbraio infatti il sole compare basso sull’orizzonte creando una condizione di luce perfetta.

Ci sarà la grande opportunità di effettuare shooting sia diurni che notturni, con un alternarsi continuo di paesaggi selvaggi e urbani.

A disposizione anche un intera sessione di scatti da un catamarano, con un punto di vista sui fiordi assolutamente unico.

Non potrà mancare la caccia alle Northern light, le aurore boreali.

A disposizione due uscite: una prima uscita per prendere confidenza con l’ambiente e le temperature, una seconda con un tour privato di soli fotografi, per scegliere con cura la situazione e il luogo da cui fotografare le aurore.

 

Il programma in dettaglio:

6 Febbraio

Arrivo a Tromso e sistemazione in HOTEL

7 Febbraio

I fiordi fotografati dal mar di Norvegia.

Una giornata a bordo della Artic Princess uno splendido catamarano per fotografare i fiordi dal mare

8 Febbraio

Slage Dog e Aurore Boreali.

Mattina di fotografia e divertimento per esplorare paesaggi a bordo di una slitta trainata dai cani.

La sera prima uscita a caccia di aurore Boreali.

9 Febbraio

Fotografia di paesaggio tra i fiordi.

Giornata dedicata ai paesaggi. Ci si muoverà  in completa autonomia lungo i paesaggi nei dintorni di Tromso, fino a spingersi verso fiordi più distanti seguendo una mappa di spot fotografici dove si avrà tutto il tempo necessario per realizzare gli scatti sfruttando la meravigliosa luce di questo periodo.

10 Febbraio

La magia delle Northern Light, a caccia di aurore boreali.

Mattinata libera per ricaricare le batterie in vista dell’uscita serale su pulmino privato a caccia di aurore boreali. Sarà una lunga notte, perché si avrà a disposizione tutto il tempo che si vorrà per fotografare le Northern Light.

11 Febbraio

Volo di rientro

 

NB: Il programma, per esigenze fotografiche, potrà essere modificato. Si valuterà di giorno in giorno le opportunità fotografiche migliori, in base a meteo ed esigenze del gruppo.

 

Quota base € 1490

Difficoltà Viaggio: Semplice, senza particolari criticità considerata la logistica. È comunque richiesta una condizione di buona salute. Abbigliamento adeguato alle temperature fino a -5/10.

 

La quota include:

Sistemazione in Hotel in camera doppia

Transfer da e per aeroporto a Tromso

Tutte le attività fotografiche elencate nel programma

Assistenza durante le escursioni di personale specializzato per la massima sicurezza delle escursioni

Assistenza del fotografo professionista accompagnatore per consigli di ripresa e revisione degli scatti

Tute termiche durante le escursioni in barca, in slitta con i cani e durante le uscite a caccia di aurore boreali.

Il viaggio non include:

Volo, prenotabile con agenzia dall’Italia.

Assicurazione medica/bagaglio e tutela annullamento viaggio (acquistabile tramite agenzia)

Eventuali mance, bevande, pasti (se non già previsti durante le attività) spese personali.

Quanto non espressamente menzionato nella lista “Cosa è incluso”.

 

Xperience Simone Raso: Luce, ritratto e Azione

Xperience

Workshop realizzato in collaborazione con  Kataklo’ athletic dance theatre, Profoto e Cactus Image.
Docente l”X-Photographer Simone Raso.

Una giornata dedicata alla costruzione della luce, impareremo a leggerla, crearla e gestirla.
Luce, ritratto e Azione attraverso un percorso che ci porterà a costruire immagini via via più complesse.

Impareremo a sfruttare diverse sorgenti di luce: dagli speedlight ai più potenti flash da studio (Profoto B1), analizzando le differenze e imparando ad usare lo strumento adatto ad ogni situazione.
Impareremo a conoscere i vari  light shaping tools.

Attraverso lo studio di immagini capiremo la differenza nell’uso delle focali e quali
siano le più adatte nelle varie inquadrature.

Avremo a disposizione una coppia di ballerini professionisti e un’intera sala da ballo.
Un workshop sul campo dove misurarsi in una situazione reale di shooting.

Data: 23 settembre 2017
Orario dalle 10 alle 18 circa
Costo  euro 200
Dove: Milano c/o Kataklo’ DanceHaus di Susanna Beltrami in Via Tertulliano 70, 20137 Milano

Workshop realizzato in collaborazione con  Kataklo’ athletic dance theatre.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni: raso.simone@gmail.com
Numero di iscritti massimo 10

 

Riccardo Spatolisano: Viaggio fotografico in Dancalia – Etiopia dal 20-01-2018 al 29-01-2018

Xperience

0/1-29/1/2018

Organizzato dall’X-Photographer Riccardo Spatolisano in collaborazione con l’Agenzia di Viaggio Pianeta Gaia.

Vi accompagnerò in questo Travel Xperience dandovi l’opportunità di fare un vero e proprio corso di fotografia on the road e di testare sul campo l’attrezzatura messa a disposizione da Fujifilm Italia.

 

PROGRAMMA

20/1/2018 Partenza dall’Italia e arrivo in hotel ad Addis.

1° giorno (domenica)

Addis-Sambete.- Dessie  (375 km 7  ore circa)

Partenza nella prima mattinata per Kombolcha. Si percorrerà la strada degli altopiani, seguendo il tracciato costruito dagli italiani ottanta anni fa. Si attraversano le regioni degli Oromo, poi il Wollo. I villaggi che si visiteranno saranno Amhara e Oromo, con paesaggi di campi di teff, il cereale dell’Etiopia. Si salirà sino a tremila metri con Panorami grandiosi e sconfinati verso la Rift Valley. Ci sarà tempo per il mercato domenicale di Sembete, luogo d’incontro di Oromo. In serata si arriverà a Dessie, città-snodo delle grandi strade del Nord dell’Etiopia. Pernottamento al Time hotel.

 

2° giorno (lunedì)

Kombolcha-Bati- Samera   (  230  km  5 ore  circa)

Ci si dirigerà verso Est. Lasceremo gli altopiani per scendere nella Rift Valley, verso le solitudini della Dancalia. Si entrerà nella regione degli Afar, il popolo ribelle, la gente dei deserti di fuoco e sale, che vivono fra l’Etiopia, l’Eritrea e Gibuti. Gli Afar sono pastori nomadi, allevatori di capre e dromedari. Nel Nord della Dancalia cavano sale dal fondale di un antico mare. Prima di raggiungere la Dancalia vi sarà una mattina da passare al grande mercato settimanale di Bati, il più affollato fra i luoghi di incontro fra i pastori Afar e i contadini Oromo. Bati non è un semplice mercato: è uno spettacolo grandioso di umanità.

Notte in hotel a Samera Agda

 

3° giorno (martedì)

Samera – Afdera – Erta Ale  (320km / 7 ore circa )

La mattina partenza  per  raggiungere il lago Afdera, conosciuto dai colonialisti italiani come lago Giulietti. É una lunga sgroppata lungo una strada asfaltata che attraversa un desolato e bellissimo deserto di lava. All’improvviso appare il lago e le saline. Il viaggio prosegue lungo la pista che conduce al villaggio di Ksrawat, luogo di transito per la salita all’Erta Ale. É il vero viaggio nel Nord della Dancalia: si attraversano piane sabbiose prima di percorrere una faticosa pista tracciata nelle colate di lava. Si sfiorano villaggi remoti e cimiteri Afar con monumenti funebri di lava.

A Ksrawat ci sarà il controllo dei nostri permessi, lì si contratterà con le autorità locali, si ingaggeranno guide e i cammellieri per salire alla vetta del vulcano Erta Ale. Nel primo pomeriggio, in auto, comincia il cammino di avvicinamento alla caldera dell’Erta Ale, la montagna che fuma. Sarà una lunga giornata. Si percorrerà la piana di Dodom fino a un passaggio nelle antiche colate di lava che accerchiano il vulcano. É una pista faticosa che conduce fino a uno spiazzo che funziona da campo base per la salita all’Erta Ale. É un percorso di quasi due ore. Si riposa all’ombra di un paio di acacie e poi si cena.

 

4° giorno (mercoledì)

Erta Ale – (trekking  4 ore circa)

La mattina, prima che sorga il sole, cominceremo la marcia verso il vulcano.

L’Erta Ale ha un profilo che sembra non intimorire, ma non bisogna lasciarsi ingannare: sono necessarie quasi quattro ore di cammino per salire da meno 70 metri a una quota superiore ai cinquecento metri. Lo spettacolo è al di là di ogni immaginazione: l’Erta Ale è un doppio balcone, bisogna scendere (un balzo di pochi metri su un sentiero precario) fino a un ‘pavimento’ di lava recente. É una sorta di piattaforma sulla meraviglia del vulcano. Cercheremo di avvicinarci il più possibile alle sponde del grande catino vulcanico: il magma rimbomba, esplode, è un mare mosso di pietra liquida e nera.

 

5° giorno (giovedì)

Erta Ale-Waideddu-Hamed Ela  (110 km, 5 ore circa)

Addio al vulcano. Poco dopo l’alba si scende verso la radura del campo base dove si ritrovano le macchine.

Una buona colazione e si parte alla volta di Ahmed Ela.

La piana di Dodom è un deserto di polvere e vento. Sulle ultime pietre laviche sorgono villaggi schiantati dal sole (Urtikibili, Abdellali, Ataytu). Il corso di un altro grande uadi (che corre parallelo alle colate laviche) è una benedizione per le genti Afar di questa terra: qui sono stati scavati numerosi pozzi e abbeveratoi.

Si prosegue e, negli anni di buone piogge, la Dancalia riserva la sorpresa di essere un pascolo verde e fertile. Mandrie di vacche e capre popolano la piana di Adogura: una prateria cresciuta proprio là dove finiscono le grandi colate di lava. Numerosi i villaggi Afar all’orizzonte di questi pascoli: il più importante è Namegubbi.

Un cammino a volte difficile: si costeggia la sponda orientale della spianata Dancala: l’orizzonte è chiuso da una linea di antichi vulcani (il Chebril Ale, l’Aiu, il Gabull, il Borale).

All’improvviso appare un’oasi di palme dum: è il villaggio Afar di Vaideddu, ben conosciuto nella piana per la sua produzione di duma, una bevanda che si ricava facendo fermentare la linfa della palma Dum. Vaideddu è un grande villaggio nascosto: circa 200 burra dispersi in un’oasi dove vivono circa 800 persone.

Nel pomeriggio si raggiunge Ahmed Ela, “il pozzo di Ahmed”, l’unico, vero villaggio di questo deserto: cinquecento abitanti (estrattori e intagliatori del sale) durante i mesi delle carovane, non più di venti persone d’estate. Qui le carovane pagano le tasse per l’estrazione e il trasporto dei blocchi di sale, qui si incontrano i cammellieri dell’altopiano con le squadre che estrarranno e modelleranno il sale, qui avviene l’ultima sosta prima del cuore della Piana del Sale.

Al villaggio verremo ospitati in una capanna costruita per i visitatori. Capanne Afar con letti Afar.

 

6° giorno (venerdì)

Hamed Ela – Dallol (30 km ) – la Piana del Sale –lago  Karoum Assabole (30 km )

Risveglio ad Ahmed Ela. Il villaggio è sul confine della Piana del Sale, antico fondale marino. É di un infinito accecante. Si seguono sentieri quasi invisibili in mezzo al deserto del sale. Si punta sulla strana montagnola di As Ale, uno sperone di roccia rossastro al centro della piana. É una concrezione salina formata da solfato di magnesio dalle proprietà curative, un doppio isolotto che emerge dal mare di sale che lo circonda.

Nell’area settentrionale del lago As Ale, ai confini con l’Eritrea, vi è un grande scoglio, un isolotto che sorge dalla Piana del Sale. É Dallol, “il luogo degli spiriti”. É una straordinaria e irreale collina alta una cinquantina di metri, un iceberg vulcanico cresciuto sulla crosta salina della depressione dancala. La terra ribolle a Dallol, i geyser sono in perenne attività e scolpiscono sculture multiformi: il paesaggio si trasforma in giardini fioriti, in grandi pietre circolari, in laghetti dai colori sorprendenti, in piccoli coni vulcanici dai quali fuoriescono fumi acri. É terra viva. Qui gli italiani, negli anni Trenta, ebbero il coraggio di costruire un villaggio minerario (estraevano potassio da questa collina), le sue rovine, calcinate dal sole e dal sale, stanno ancora decomponendosi sulla sua sommità.

Attorno alla collina, uno spettacolo: a sud di Dallol, da un altro scoglio di sale pietrificato, esce acqua a temperature altissime. La strana sorgente diventa un rigagnolo che alimenta un lago circolare di acqua ribollente. Uno stagno danzante si trova anche a oriente della collina di Dallol: qui geyser sotterranei non danno tregua alle acque di superficie che sembrano ballare al ritmo di un maestro d’orchestra sconosciuto. Grandi faraglioni di pietra salina si alzano a occidente di Dallol: sono le colonne che segnano i confini di questa isola incredibile. Il confine con l’Eritrea è a poca distanza. Poco più in là dalle colonne di Dalol, c’è il lago nero, una recente esplosione freatica.

Ritorno verso Amed Ela e Assale e poi il lago Karoum che si sposta con il vento…

Nel pomeriggio partiamo per raggiungere Asso Bole, villaggio Afar all’ingresso del canyon del fiume Saba. Asso Bole è uno dei luoghi di sosta delle carovane nel lungo viaggio di ritorno verso l’altopiano. Qui vi è sempre acqua, uomini e dromedari bevono, riempiono le otri di pelle di capra, si lavano. Molti passano la notte al riparo delle pareti del canyon. Rientro al Campo.

 

7° giorno (sabato)

Assabole -Berhale-Wuko (160 km / 3 ore circa)

All’alba un breve cammino lungo il fiume Saba per vedere i fuochi dei cammellieri.

Ritorno la mattina alla piana del sale dove uomini stanno tagliando la crosta salina a colpi di accetta, altri cercano di sollevare lastre immense. Gli intagliatori, a piccoli colpi, danno forma ai blocchi. I carovanieri aspettano al sole. Caricano gli animali solo quando sono certi di ripartire. I cammelli sostano attorno alla cava. Al riparo di muretti di sale, qualcuno ha aperto una rivendita di tè: è l’unico momento di sosta che questa umanità si concede.

Ritorno verso l’altopiano, la pista è una brusca salita per raggiungere i duemila metri della sponda del più grande altopiano africano. Dopo alcune ore di viaggio, ci ritroveremo ad Agula, lungo la strada asfaltata che collega Makallè ad Adigrat. Abbiamo lasciato la regione Afar e ora ci troviamo in Tigray.  Lodge a Wukro.

 

8° giorno  (domenica)

Wukro Makalle ( 70 km) – volo per Addis Abeba

Dopo Wukro visiteremo la chiesa di Abraha Atsebha ( 7°-11°sec),  una bella chiesa ipogea internamente affrescata. É dedicata ai fondatori del cristianesino etiopico, ossia re Esana e suo fratello Sezana. Si racconta che vi sia conservata la croce appartenuta a Frumezio il primo vescovo della chiesa copta etiopica. É tutta affrescata con dipinti ben conservati.

Trasferimento a Makalle e visita del mercato del lunedì; nel pomeriggio volo per Addis Abeba day use in hotel, cena e trasferimento in aeroporto.

 

Minima attrezzatura consigliata e cavalletto.

 

NB: Il programma, per esigenze fotografiche, potrà essere modificato. Valuteremo di giorno in giorno le opportunità fotografiche migliori basandoci, su meteo ed esigenze del gruppo.

 

Numero persone: Min. 6

Durata: 8 giorni

Periodo: dal 20 al 29 Gennaio 2018

 Quota individuale di partecipazione:

 Quota base 10/12 partecipanti – 2350€ a persona

Quota base 8/9 partecipanti – 2450€ a persona

Quota base 6/7 partecipanti – 2550€ a persona

 

Per informazioni, anche riguardo ciò che la quota comprende o no, e per prenotare il viaggio cliccare sul link allegato:

 http://www.pianetagaia.it/viaggio/1708/3361/dancalia-con-fotografo

 

Riccardo Spatolisano – landscape tra Lisbona e Faro dal 14 al 17 Settembre

Xperience

Viaggio fotografico dedicato a immagini di contesto e landscape tra Lisbona e Faro in Portogallo, organizzato dall’X-Photographer Riccardo Spatolisano in collaborazione con l’Agenzia di Viaggio Pianeta Gaia e che vi accompagnerà attraverso il vostro Travel Xperience dandovi l’opportunità di fare un vero e proprio corso di fotografia on the road e di testare sul campo l’attrezzatura messa a disposizione da Fujifilm Italia.

Il Portogallo, parte più occidentale della Penisola Iberica, dell’Europa meridionale, affacciato sull’Oceano Atlantico, con circa 830 chilometri di coste a sud e a ovest, confina solo con la Spagna (Galizia a nord, Castiglia e León, Estremadura e Andalusia a est). Il suo territorio, corrispondente all’antica provincia romana di Lusitania, occupa una fascia di territorio lunga circa 700 km e larga 150/200 km che dai rilievi della Meseta iberica scende fino alla costa atlantica offrendo luoghi suggestivi e panorami mozzafiato.
Le coste del Portogallo si presentano con tratti rettilinei e sabbiosi e tratti alti e rocciosi. Spesso si incontrano profonde rientranze interrotte da promontori rocciosi.

Il distretto di Lisbona appartiene alla provincia tradizionale dell’Estremadura. La sua città è ricca di cultura e possiede al suo interno un fascino particolare dovuto alle forti contaminazioni dei domini coloniali.

Il distretto di Faro invece è un distretto del Portogallo continentale, coincidente con la provincia tradizionale dell’Algarve. Confina con il distretto di Beja a nord, con la Spagna (provincia di Huelva) a est e con l’Oceano Atlantico a sud e a ovest. Capoluogo del distretto è Faro.
Separata dal mare da una laguna, è un porto di pesca e località turistica dell’Algarve sulla costa atlantica.
La zona lagunosa fra Faro ed il mare che si estende lungo la costa del “Sotavento” algarviano è protetta dal Parque natural da Ria Formosa del sistema lagunare compreso tra una successione di lunghe e strette isole sabbiose parallele alla linea della costa e la terraferma, con canali, isolotti, paludi, banchi di sabbia sottoposti alle alte maree dell’Atlantico, con vegetazione e fauna particolari.

Programma del viaggio

Giorno 1 – Lisbona-Faro

Partenza da Milano Malpensa con arrivo a Lisbona subito dopo pranzo, noleggio auto e trasferimento diretto a Faro.
Durante il tragitto percorrendo la litorale oceanica avremmo l’opportunità di ammirare i meravigliosi panorami atlantici. Unico stop della giornata sarà Sagres.
Più remota e dimenticata dai circuiti turistici, la cittadina di Sagres è perfetta per gli amanti della tranquillità: le spiagge (Praia de Mareta, Praia do Martinhal, Praia de Belice e Praia do Tonel le più famose) sono anche qui eccellenti, e si possono raggiungere solo attraverso ripidi sentieri che tagliano le falesie.
Sagres vi darà l’impressione di essere arrivati in uno degli ultimi avamposti della civiltà prima della fine dell’Europa. Impressione rinforzata con una visita al Cabo de São Vicente (detto Promontorium sacrum dagli antichi romani), una delle estremità ultime del continente europeo, con all’orizzonte solo oceano. Sulla scogliera, alta 80 metri, sorge un faro da cui si possono osservare panorami mozzafiato dove effettueremo una sessione fotografica al tramonto, sfruttando come sfondo i bellissimi faraglioni.
Arrivo a Faro in serata per il primo pernotto, cena e serata libera.

Giorno 2 – Tavira

Mattina – Faro
La capitale della regione ed il centro più importante è Faro, città che mantiene un indiscutibile fascino, specie nella parte più antica, la Cidade Velha, dove sorge anche la Cattedrale (non mancate di cercare le cicogne, che fanno il nido sul campanile!). La Praia de Faro – la spiaggia della città – è perfetta per un bagno o una passeggiata, ed è raggiungibile in autobus dal centro.
Pomeriggio – Tavira
La piccola città di Tavira è un luogo particolarmente affascinante, e vanta uno dei centri storici più pittoreschi dell’Algarve ed una spiaggia (Praia de Tavira)
Rientro a Faro per cena e serata libera.
Per chi lo desidera è possibile organizzare sessione fotografica notturna.

Giorno 3 – Praia da Marinha – Benagil – Lagos

Alba – Praia da Marinha
Non lontano da Praia da Rocha si trova Praia da Marinha, una spiaggia dominata da una falesia alta 50 metri, che si colora di tonalità cangianti a seconda delle ore del giorno che sfrutteremo alle prime luci del mattino.
Prima mattinata – Benagil
Le grotte di Benagil si trovano vicinissime al paesino omonimo, nella zona di Carvoeiro, Algarve. Le pareti rocciose magistralmente erose dal mare formano una sorta di cupola con lucernario. Durante la bassa marea si può camminare nella grotta. Questa e altre calette isolate sono raggiungibili attraverso le escursioni in barca che partono dalla spiaggia di Benagil.
Pomeriggio – Lagos
Le coloratissime casette di Lagos accolgono turisti e residenti stranieri, rendendo la cittadina una comunità cosmopolita e piacevole. Il resto lo fanno le spiagge (Praia de Pinhão, Praia de Dona Ana e Praia Don Camilo), protette da maestose scogliere. Sul promontorio di Ponta da Piedade, seguendo un sentiero naturalistico percorribile a piedi, si possono ammirare alcune delle falesie più spettacolari di tutto l’Algarve e del Portogallo, di roccia color ocra e rosso, costellate di insenature e grotte naturali. Sul promontorio, un vecchio faro avvisa le navi in avvicinamento.
Arrivo a Lisbona per il tramonto per fotografare il “Ponte Vasco Da Gama”.
Dopo cena la serata proseguirà per la città nel quartiere Bairro Alto.

Giorno 4 –  Lisbona

Avendo il volo di rientro in serata avremo la possibilità di visitare le maggiori attrazioni della città durante la mattina ed il primo pomeriggio. Visiteremo Torre di Belém ed il monastero dos Jeronimos. Infine un ultimo giro della città sul caratteristico TRAM 28.
Rientro in aeroporto e volo di rientro. La partecipazione è rivolta sia a principianti che a fotografi evoluti, ognuno con la propria attrezzatura fotografica di qualsiasi marca. Per chi non conosce il mondo Fujifilm o per chi desidera provare nuove attrezzature saranno a disposizione tutte le ultime macchine e lenti del sistema Fujifilm serie “X” (X-T2, X100F, ect. ) che potranno essere provate gratuitamente. In loco troveremo delle auto o monovolume a disposizione per raggiungere liberamente i luoghi più suggestivi per il corso. Vedremo l’alba e i tramonti dai luoghi più suggestivi approfondendo tecniche fotografiche.

Minima attrezzatura consigliata e cavalletto.

NB: Il programma, per esigenze fotografiche, potrà essere modificato. Valuteremo di giorno in giorno le opportunità fotografiche migliori basandoci, su meteo ed esigenze del gruppo.

Numero persone: Minimo 6

Durata: 4 giorni

 Periodo: dal 14 al 17 Settembre 2017

 Quota individuale di partecipazione 450€ a persona

 La quota comprende:

 Voli come da programma

  • Hotel con trattamento di pernottamento e prima colazione
  • Auto mid-size presa e rilascio in aeroporto di Lisbona (1 ogni 4 partecipanti)
  • Fotografo accompagnatore dall’Italia a disposizione per l’intero viaggio
  • assicurazione medico/bagaglio AXA

 La quota non comprende:

  •  Voli e tasse Aeroportuali, ad oggi pari a 105€, soggette a riconferma all’emissione dei biglietti
  • Pasti e bevande
  • La benzina
  • L’assicurazione facoltativa contro annullamento pari al 3,5% del valore del viaggio
  • Tutto quanto non espressamente specificato alla voce “La quota comprende”

 Per ulteriori informazioni e per prenotare il viaggio segui il link:

http://www.pianetagaia.it/viaggio/1658/lisbona–faro—viaggio-fotografico 

 

Simone Raso – Workshop Streets of New York 9-16 Novembre

Xperience

L’X-Photographer Simone Raso per le vie di un luogo icona della street photography.
Un workshop per vivere e fotografare New York.

Il workshop sarà strutturato con due brief giornalieri e due blocchi fotografici, si attraverseranno tutte le principali zone di NY per fotografare situazioni e momenti di vita quotidiana in diversi contesti e tessuti urbani.

Da Coney Island al Financial district, dalla street diurna a quella in notturna, con una giornata dedicata all’editing e alla scelta delle fotografie.

WORKSHOP LIMITATO A 10 ISCRITTI !
Prenotazione e gestione viaggio tramite Agenzia Garda Viaggi.

Date: 9-16 novembre 2017
Partenza il 9 Novembre 2017 con volo da MILANO con Emirates
Rientro 15 Novembre sera (16 in Italia) sempre su MILANO.
Quota di partecipazione workshop €1.590
Quota di partecipazione accompagnatore €1.200
Supplemento singola €450

NB: E’ possibile sottoscrivere un’assicurazione opzionale per il rimborso del viaggio qualora un partecipante non possa partire al costo di €60 (dettagli in agenzia)

Cosa è incluso:
Soggiorno di 6 Notti in Hotel 3 stelle con colazione inclusa
Trasferimento da Hotel a Aeroporto
Abbonamento settimanale Metropolitana
Assicurazione Sanitaria
Tutoring fotografico
Materiale didattico

Cosa NON è incluso:
Volo A/R per New York
Pranzi e cene
Mance o spese extra per trasporti
Ingressi in musei e/o luoghi a pagamento
Tutto ciò che non è specificato in “cosa è incluso”

E’ possibile acquistare il volo tramite l’agenzia che gestisce il viaggio con Emirates da Milano A/R su JFK a €490 (tariffa soggetta a variazioni)
Esiste la possibilità anche di volare diretti da ROMA con orari simili.

PER ISCRIZIONI E ULTERIORI INFORMAZIONI SCRIVETE A:  info@simoneraso.com

Marco Urso – Antartide oltre il Circolo Polare: paesaggi, pinguini e balene.

Xperience

Antartide oltre il Circolo Polare: paesaggi, pinguini e balene.

19 giorni – dal 12 al 30 Marzo 2018

Una crociera speciale che si spinge più a sud in Antartide ottimizzando tempi e costi accompagnati dall’X-Photographer Marco Urso, fotografo delle riviste Oasis e Natura.

 

Perché questa crociera è diversa dalle altre?

Le normali crociere che toccano la penisola antartica, pur essendo bellissime, hanno lo svantaggio di passare un tempo limitato in questi luoghi. Una buona parte dei giorni è dedicata ad attraversare lo stretto di Drake. I partecipanti, al termine, rimangono incantati dai luoghi, ma delusi dal poco tempo trascorso effettivamente tra ghiacci e pinguini.

Ed ecco la soluzione! Quello che vi viene proposto è un viaggio da sogno, non paragonabile con altre proposte similari perché il tempo effettivo trascorso nella penisola e di ben 10 giorni, senza contare i tempi di attraversamento.

Ne consegue la possibilità di spingersi più a sud, oltre il circolo polare per visitare mete meno consuete e viste. Si fotograferanno varie specie di pinguini, foche e uccelli. I paesaggi con il ghiaccio conquisteranno tutti e rimarranno nei ricordi. Stupende fotografie in un’atmosfera da fiaba.

Il periodo in cui è proposto il viaggio è anche quello ideale per avvistare le balene.

Circondati da ogni comodità che solo una nave attrezzata per questi viaggi può offrire, con le frequenti escursioni a terra a bordo dei gommoni, potrete dedicarvi a riprendere le scene che avete sempre sognato da punti di ripresa resi possibili solo con questa tipologia di viaggio. Un’avventura con tutte le comodità e assistenze, senza compromessi, che offre semplicemente il meglio. Collezionerete foto e ricordi che vi faranno sognare a lungo. Garantito!

Programma

  • G 1 – Partenza dall’Italia e arrivo con volo in coincidenza a Ushuaia.
  • G 2 – Arrivo a Ushuaia e pernottamento.
  • G 3 – Imbarco nel pomeriggio e inizio della navigazione lungo le coste della Terra del Fuoco.
  • G 4 e 5 – Giorni di navigazione per attraversare lo stretto di Drake, densi di possibilità fotografiche per la presenza di albatros, procellarie e altri specie di uccelli. Ci si potrà cimentare in creativi panning e in prossimità delle isole Shetland vedremo i primi iceberg.
  • G 6 e 7 – arrivo nella parte alta dell’Antartide, attraverso le isole Melchior e lo stretto di Schollaert tra le isole Brabant and Anvers. A Cuverville Island, una piccola isola ubicata tra le montagne della Penisola Antartica e Rongè Island, avremo la possibilità di fare la nostra prima escursione in gommone. L’isola ospita una nutrita colonia di pinguini Gentoo e skua. A Neko Harbour e Paradise Bay circondati da una moltitudine di iceberg e fiordi avremo così l’occasione di mettere piede sul continente. Proveremo anche ad addentrarci con lo Zodiac tra i ghiacci prima di salpare con la nave verso il canale di Lemaire.
  • G 8 -10 – Dopo un’intera notte di navigazione attraverso il canale di Lemaire, arriveremo in prossimità del Circolo Polare Antartico. Passeremo lo stretto di Gullet tra Adelaide Island e il continente, avendo intorno panorami mozzafiato. Chiederemo il permesso di sbarcare a Rothera, la prima stazione di ricerca britannica in Antartide. L’area in cui navigheremo è caratterizzata da fiordi spettacolari e ghiacciai, un’area stupenda non visitata dalle crociere più brevi. Cercheremo di sbarcare ad Avian Island, caratterizzata per le innumerevoli colonie di uccelli, tra i quali i bellissimi pinguini Adelie.
  • G 11 – 13 -Wilhelmina Bay – all’alba del non giorno di navigazione ci ritroveremo in prossimità del Circolo Polare Antartico con rotta verso il Crystal Sound. Qui avremo alte possibilità di avvistare le megattere e nelle vicinanze di Fish Island faremo un’escursione con lo Zodiac per cercarle. Nei dintorni paesaggi stupendi e nuova possibilità di riscorgere pinguini Adelie tra piccoli e grandi iceberg. Le isole di Petermann e di Pleneau offrono grandi opportunità di avvistare vari tipi di uccelli e durante la nostra crociera tra gli iceberg potremo incrociare foche leopardo e altre specie di foche. In questa zona spesso ci sono vari tipi di balene e i pinguini Gentoo. Ci spostiamo verso la baia di Wilhelmina con alte possibilità di incontrare balene e tenteremo di avvicinarci con i nostri Zodiac.
  • G 14 – Isole Shetland del Sud. Cercheremo di sbarcare a Hannah Point e Livingstone Island. Qui scorgeremo colonie di diverse specie di pinguini, putrelle ed elefanti di mare. Verso mezzogiorno lasceremo la zona con rotta verso lo stretto di Drake.
  • G 15 -16 – Navigazione verso nord e attraversamento dello stretto di Drake accompagnati da una moltitudine di uccelli.
  • G 17 -Arrivo a Ushuaia in tempo per il volo per Buenos Aires nel pomeriggio. Pernottamento a Buenos Aires.
  • G 18 – Partenza per l’Italia.
  • G19 – Arrivo in Italia.

NOTE – Il programma specifico e i siti visitati dipenderanno dalle condizioni del ghiaccio, dal meteo e dai tempi di navigazione. L’itinerario sarà aggiornato per tutto il viaggio, al fine di usufruire di condizioni favorevoli. La frequenza di avvistamento dipende da tante variabili.

Sistemazione

La sistemazione prevede la scelta del tipo di cabina a bordo della nave con trattamento di pensione completa. Richiedere a tale proposito specifiche informazioni per prezzi e tipologia.

Difficoltà Viaggio: Semplice, senza particolari criticità considerata la logistica. È comunque richiesta una condizione di buona salute. Abbigliamento adeguato alle temperature fino a -5/10.

Documenti necessari: passaporto in corso di validità. Il passaporto deve essere valido per almeno sei mesi dalla data di entrata in Argentina.

Vaccinazioni: attualmente, nessuna obbligatoria.

Tipo di fotografia attesa e attrezzatura consigliata

Questa stupenda crociera permette di riprendere scene di vario genere. I paesaggi e la luce sono incredibili e per questi sono consigliati i grandangoli, ma anche i medio-tele per selezionare particolari. Vi è poi una quantità di specie di uccelli da riprendere sia in volo sia a terra. Per questi un’ottica zoom media permette di seguire in volo le evoluzioni. A terra i vari tipi di pinguini richiedono sia il grandangolo, per dare l’idea della vastità delle colonie che i tele per evidenziare i dettagli. Si arriva comunque vicini ai soggetti.  Elefanti marini, foche leopardo etc. vengono ripresi sia con i teleobbiettivi che con gli zoom di escursione media. Contattatemi per ulteriori delucidazioni.

Cosa è incluso

  • Crociera come indicato dal programma a bordo di speciale nave adatta alla navigazione in Antartide, dotata di tutti i comfort.
  • Due escursioni giornaliere con gommoni Zodiac, tranne i giorni di navigazione.
  • Conferenze scientifiche quotidiane su argomenti inerenti la fauna, la geologia, il clima dei territori visitati.
  • Assistenza durante le escursioni di guide e personale specializzato per la massima sicurezza.
  • Assistenza del fotografo professionista accompagnatore per consigli di ripresa e revisione degli scatti.
  • Affitto gratuito degli speciali stivali per le escursioni.

Il viaggio non comprende

  • Volo dall’Europa per Ushuaia, prenotabile con agenzia dall’Italia.
  • Assicurazione medica/bagaglio e tutela annullamento viaggio. Assicurazione evacuazione.
  • Eventuali mance, bevande, spese personali.
  • Quanto non espressamente menzionato nella lista “Cosa è incluso”.

 

Per ulteriori informazioni sul programma e sui prezzi contattate Marco Urso – X-Photographer: info@compagnidiviaggio.com  o marc.urso@alice.it

 

Marco Tortato: Tra gli splendidi Sassi di Matera

Xperience

Matera, una cornice unica, ospiterà dal 20 al 30 luglio i workshop fotografici firmati da Marco “Yorick” Tortato, in collaborazione con Fujifilm Italia

Innamoratosi di Matera in un suo viaggio, l’X-Photographer veneto Marco Tortato dedica alla sorprendente città dei Sassi, i suoi due workshop più di successo: “Dal Tramonto all’Alba”, per approcciare la fotografia notturna e del crepuscolo, e “Oltre le Regole”, un percorso alla scoperta del linguaggio fotografico e della capacità delle immagini di raccontare storie.

Per entrare nel mondo e nella filosofia Fujifilm, a questi due appuntamenti si aggiunge un incontro dedicato alla Serie X ed al medio formato GFX per interessanti spunti sulla fotografia di studio e di ritratto, con lo staff Fujifilm.

Durante tutti e tre gli eventi sarà possibile provare fotocamere e gli obiettivi Fujifilm della Serie X.

Per informazioni ed iscrizioni consultare il sito www.yorick-photography.com nella sezione calendario.

 

Programma

22-23 luglio, dalle 18:30 fino alle 7:30 di mattina

Un percorso tra i sassi e la golina di Matera, alla scoperta delle luci e dei colori di notte e del crepuscolo.

 

27 luglio, dalle 19:30 alle 23:00 presso Bambér Lab di Pasquale Ettorre, in via Lucana 244, Matera.

Aperitivo di accoglienza e poi serata dedicata a Fujifilm e al Ritratto.

Quanto l’innovazione tecnologica in ambito fotografico abbia cambiato stili e approcci nel lavoro dei fotografi. I nuovi sistemi mirrorless: peculiarità e vantaggi

 

29-30 luglio, dalle 9:00 alle 18:00

Due giorni di workshop, tra teoria e pratica, in cui si esploreranno le potenzialità e la duttilità del linguaggio fotografico. Lezioni teoriche presso: Bambér Lab di Pasquale Ettorre, in via Lucana 244, Matera.

 

Marco Tortato – Luglio: Festa della Bruna, workshop di narrativa visuale – dal 30 Giugno al 3 Luglio

Xperience

Un mese di tutoring online e 2 giorni di scatti.

Nello splendido scenario della città di Matera, i cui Sassi sono unici al mondo, si svolge ogni anno a Luglio la secolare festa della Madonna della Bruna, protettrice della città. Un giorno intero viene dedicato alla processione e ai festeggiamenti, tra parate di cavalieri, pastori, carri e fuochi d’artificio. Tutta la città in un frenetico esultare si riunisce attorno alla Madonna e ne celebra la gloria.

Marco Tortato propone questo workshop fotografico unico. Si parla di narrativa visuale, detta in maniera più moderna: storytelling. Si parlerà di composizione, ma soprattutto si parlerà di raccontare storie. Si approfondirà cosa le foto raccontano, e soprattutto di come lo fanno, ma parleremo anche di svolgimento di un tema, e di ricerca attraverso le foto. Poi il workshop si trasformerà in una vera e propria prova pratica. Il workshop, non inizierà dal 30 Giugno, ma per tutto il mese di Giugno gli iscritti riceveranno, dal fotografo Marco Tortato, spunti ed esercizi propedeutici allo svolgimento poi del lavoro in loco.

Daremo, infatti, la possibilità a 7 fotografi, attraverso un accredito stampa speciale, di fotografare la Festa delle Bruna da posizioni uniche e di prestigio. Il gruppo di lavoro si costituirà come un vero team fotografico, che dovrà dare un racconto più completo possibile della festa, a partire dai momenti di preparazione del giorno prima. Verranno assegnati quindi, specifici compiti a ciascuno.

Fujifilm Italia e Yorick Photography, attraverso un lavoro di editing, selezioneranno i migliori lavori, che troveranno spazio sul blog ufficiale Fujifilm Italia.

Durante il workshop sarà possibile utilizzare le fotocamere, lenti e accessori della serie X Fujifilm.

Programma:

Dal 1 Giugno al 25 Giugno: tutoring online, con invio di materiale didattico ed esercizi.

30 Giugno: ore 21:30 all’Aeroporto di Bari. Trasporto del gruppo fino a Matera.

1 Luglio: incontro di Brief e divisione dei compiti. Foto della preparazione della festa, dei cavalieri e della città.

2 Luglio: Festa delle Bruna. Il team con i propri compiti sarà impegnato tutto il giorno nel lavoro di racconto delle celebrazioni, dalla mattina presto, fino ai fuochi di fine festa.

3 Luglio:  ritorno all’aeroporto di Bari con orario compatibile con i voli del gruppo.

Quote, in base alla sistemazione:
– Dimora matrimoniale standard: € 480,00;
– Dimora matrimoniale delux in grotta (con letto alla francese): € 510,00;
– Dimora junior suite matrimoniale: € 540,00;
– Dimora suite matrimoniale in grotta + con sauna, doccia e vasca al centro: € 675,00.

La quota comprende:
– Tre pernottamenti in camera doppia, colazioni incluse presso l’Hotel Le Dimore di Idris;
– Trasferimento privato cumulativo dall’aeroporto di Bari a Matera il 30 giugno e viceversa il 3 luglio;
– Tutoring a distanza sul linguaggio visivo e sulla narrativa fotografica per il mese di giugno con materiale didattico ed esercizi, e feedback online (Skype o Mail) sul lavoro svolto.
– Workshop di due giorni;
– Pass Foto per la manifestazione;
– Guida del luogo;
– Pubblicazione sul Blog Ufficiale di Fujifilm Italia.

La quota non comprende:
– Eventuali trasferimenti individuali;
– Supplemento camera singola su richiesta, disponibilità permettendo;
– Tassa di soggiorno, 1€ al giorno per persona, da pagarsi in loco;
– Voli o altri trasporti per Bari.

Per maggiori informazioni sulle modalità d’scrizione o per altri dettagli visitare il link:

https://www.yorick-photography.com/event/matera-30-giugno-3-luglio-festa-della-bruna-workshop-narrativa-visuale/

 

Marco Tortato – Venezia: Workshop di Food Photography al Caffè Florian – 9 Luglio

Xperience

NUMERO PARTECIPANTI: minimo 6 / massimo 10

Fotografare il cibo potrebbe sembrare cosa semplice. I social e i blog sono pieni di fotografie di pietanze, con vari stili e risultati visuali. La food photography è tra le discipline più affascinanti e più complesse che ci siano, non tanto per l’approccio tecnico, ma perchè necessita di un’attenzione al dettaglio e alla presentazione, che in molti altri generi fotografici sono più marginali. In concomitanza con l’uscita del libro “I Dolci Veneziani del Caffè Florian” e a fronte di tante richieste, l’X-photographer Marco Tortato presenta un primo evento di formazione su questo intrigante e popolare tema.

Yorick Photography in collaborazione con il Caffè Florian di Venezia e Fujifilm Italia, propone una giornata di workshop. Un’introduzione a tecniche di scatto, d’illuminazione e di accorgimenti di composizione per realizzare foto di cibo in high key a fondo bianco o con ambientazione.

Il workshop consisterà in una lezione teorica in aula e una serie di prove pratiche specifiche su set diversi. Ci saranno, quindi, dei piatti da scattare su fondo bianco e piatti con ambientazione che saranno eseguiti nel prestigioso e storico Caffè Florian. Si potrà così sfruttare tutta la bellezza e la storia del Caffè più antico al mondo per eseguire foto memorabili. I piatti saranno preparati e presentati dallo Chef Pâtissier del Caffè Florian Cristiano Strozzi, che porterà alla nostra attenzione dettagli e suggerimenti per scatti che abbiano il gusto e lo stile giusto. La sua sarà presenza preziosa, perché da anni ormai è chef e stylist delle foto dei piatti del Caffè.

Il Caffè Florian per ringraziare i partecipanti e il loro impegno, sceglierà a propria discrezione le migliori foto eseguite durante questa giornata, per essere eventualmente utilizzate nel comunicare sui propri media la propria offerta enogastronomica.

Durante il workshop saranno a disposizione attrezzatura lighting professionale e di alta qualità.

Giorni e Orari: 9 Luglio 9:30-17:30

Programma:

Mattina: Lezione teorica in aula e scatti in high key

Pomeriggio: Lezione sulla presentazione dei piatti e scatti ambientati al Caffè Florian

COSTO: 150 €

Per maggiori informazioni sulle modalità d’scrizione o per altri dettagli visitare il link:

https://www.yorick-photography.com/event/venezia-9-luglio-workshop-food-photography-al-caffe-florian/

Marco Urso – Kamchatka il Grizzly e il suo habitat dal 18 al 31 luglio 2017

Xperience

La Kamchatka, ubicata all’estremità più orientale della Russia, è il luogo indiscutibilmente migliore al mondo per fotografare l’orso bruno. Per tale motivo, da cinque anni, ci rechiamo in questo paradiso con piccoli gruppi di fotografi, provenienti da tutto il mondo e condividiamo le emozioni quotidiane sia come amanti della fotografia che della natura.

Cuccioli, lotte, scene di tenerezza, paesaggi mozzafiato. Avrete la garanzia di immagini al top della fotografia naturalistica internazionale. I partecipanti hanno spesso visto le proprie immagini premiate in contest in tutto il mondo. Marco Urso conosce bene questi luoghi e saprà proporvi le occasioni migliori.

Chi ci è venuto ne è entusiasta e si è stupito di quanto intense siano le giornate di ripresa e della qualità degli scatti catturati. Questa situazione idilliaca avrà una vita breve. La scoperta di questi luoghi attira sempre più appassionati e per questo è consigliabile non attendere per fare l’esperienza e prenotare subito.

La spedizione fotografica include la classica destinazione del Kuril lake, un paradiso per chi ama fotografare gli orsi o aggiunge anche la meno nota perla del fiume Kambalnaya, che offre nuove ed entusiasmanti opportunità di ripresa immersi nella natura più selvaggia. Due diversi scenari di ineguagliabile bellezza naturale.

Le date scelte sono quelle statisticamente migliori per fotografare gli orsi durante l’annuale aggregazione lungo il fiume e il lago dei salmoni.

 

Punti di forza del viaggio fotografico:

  • Il miglior luogo al mondo per fare fotografie all’orso bruno.
  • Piccoli gruppi di fotografi per ottenere il meglio in ogni situazione di ripresa e rispettare gli orsi.
  • L’esperienza e conoscenza di cinque anni della destinazione del fotografo accompagnatore Marco Urso, che ha vinto premi internazionali con immagini scattate in questi luoghi.
  • Speciale permesso fotografico per professionisti, concesso in forma limitata. Il permesso concede la possibilità di accedere ad ogni parte del lago e a qualsiasi ora, contrariamente a quello che possono fare i normali turisti.
  • Disponibilità di una barca per muoversi secondo le condizioni di luce e le opportunità del giorno.

 

DATE e DURATA: inizio il 18 luglio, termine il 31 luglio 2017 – 14 giorni (inclusi i giorni di viaggio)

 

NUMERO di PARTECIPANTI: massimo 8 partecipanti

 

ITINERARIO:

  • Partenza dall’Italia e via Mosca arrivo a Petropavlosk, capitale della Kamchatka il mattino successivo. Pernottamento in un grazioso bed and breakfast.
  • Trasferimento in elicottero al Kuril lake, con un tragitto di 90 minuti durante il quale potrete fotografare vari vulcani. Arrivo e prima uscita per fotografie.
  • Dormiremo 5 notti al Kuril lake, ospitati in spaziose tende militari montate su legno con brande. Avremo una stanza in uno chalet dove scaricare le foto e consumare i pasti preparati dalla nostra cuoca personale. L’alimentazione è garantita dal generatore che porteremo. Ogni mattina, intorno alle otto, dopo colazione, con la barca e scortati dal nostro personale ranger raggiungeremo vari punti del lago, dove rimarremo fino a sera. Il pranzo può essere consumato ritornando al campo o sul posto al sacco. Dedicheremo quindi dalle 10 alle 12 ore alle riprese.
  • Trasferimento in elicottero al Kambalnaya river, con un tragitto di venti minuti. Qui dormiremo in alcuni chalet per tre notti e saremo le uniche persone immerse in un paesaggio naturale stupendo ali piedi del vulcano Kambalny. Gli orsi sono sul fiume di fronte a noi e visiteremo altri luoghi nei dintorni come delle piccole cascate dove gli orsi pescano i salmoni. Cibi sempre preparati dalla nostra cuoca. Ogni giorno uscita a piedi con brevi tragitti per raggiungere i luoghi di ripresa.
  • Al termine ripartenza in elicottero per Petropavlovsk dove trascorreremo le ultime tre notti, tenute come riserva per eventuale brutto tempo che impedisca i voli. Qui è possibile organizzare altre escursioni per visitare la baia o la valle dei geyser o semplicemente la città con i suoi mercati.
  • – ripartenza per l’Italia con volo via Mosca.

 

Attrezzatura consigliata:

  • Due corpi macchina.
  • Focali che coprano dal grandangolo al tele.
  • Cavalletto ed adeguata testa.

Difficoltà viaggio:

La spedizione fotografica non richiede particolari condizioni fisiche se non una buona condizione generale di salute e l’autonomia nel camminare per brevi distanze. Vaccinazioni: attualmente nessuna obbligatoria.

Documenti necessari:

passaporto in corso di validità. Il passaporto deve essere valido per almeno sei mesi dalla data di entrata in Russia. Visto da richiedere al consolato russo. Verranno forniti tutti i documenti di invito per l’ottenimento del visto tre mesi prima della partenza.

 

 

 

COSTO della Spedizione con sistemazione condivisa: 6500 USD

 

Cosa è incluso:

  • Pernottamento, colazione, pranzo e cena al Kuril e al Kambalnaya. Colazione e pernottamento a Petropavlovsk.
  • Voli con gli elicotteri per raggiungere le destinazioni.
  • Barca per spostarsi sulle diverse parti del lago al Kuril.
  • Permesso fotografico speciale per professionisti.
  • Assistenza di un fotografo professionista parlante Italiano/Inglese/Spagnolo
  • Ranger dedicato al gruppo.
  • Interprete Russo/Inglese dedicato.
  • Cuoca dedicata al gruppo.

 

Cosa non è incluso:

  • Visto – viene data assistenza e documenti per ottenerlo.
  • Volo dall’Italia a Petropavlovsk. Viene eventualmente data assistenza per la prenotazione presso un’agenzia con l’intento di volare in gruppo.
  • Assicurazione medica/bagaglio e tutela annullamento viaggio.
  • Eventuali mance, escursioni facoltative, spese personali.
  • Quanto non espressamente menzionato nel paragrafo “Cosa è incluso”.

 

Per ulteriori informazioni e prenotazioni scrivere a:

marc.urso@alice.it oppure marco@photoxplorica.com

 

marco-urso-copyright-1 marco-urso-copyright-2 marco-urso-copyright-4 marco-urso-copyright-5 marco-urso-copyright-6 marco-urso-copyright-7 marco-urso-copyright-8 marco-urso-copyright-9 marco-urso-copyright-10 marco-urso-copyright-13 marco-urso-copyright-15